Varie

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro

Autore , 21 marzo 2021 ore 12:28

Cari Pirati, trovate le tante notizie che riguardano il rapporto tra turismo, viaggi, trasporti e Coronavirus nella nostra pagina speciale Coronavirus e viaggi (che aggiorniamo con frequenza almeno bi-settimanale), ma anche in singoli articoli sulle novità più importanti e infine nei nostri appuntamenti del lunedì e del giovedì, come questo, dove raccogliamo per voi tutte le notizie rilevant degli ultimi giorni su questi temi.

Le notizie di oggi: presentato il progetto di passaporto sanitario digitale dell'Unione Europea, che dovrebbe partire da giugno; la Sardegna (dopo Valle d'Aosta e Alto Adige) chiude le porte ai non residenti, anche se titolari di seconde case; presentato un piano per ripartire in sicurezza negli alberghi della Penisola Sorrentina; riparte il volo diretto Kenya Airways Roma - Nairobi; la nuova compagnia aerea Canarian Aiways partirà a giugno; le crociere Virgin Voyages chiederanno la vaccinazione obbligatoria di passeggeri ed equipaggio; la Turchia fa partire la campagna vaccinale per gli operatori turistici; il gruppo di compagnie aeree IAG riduce fortemente la sua flotta; boom di prenotazioni per le isole Baleari dalla Germania; aumentano le misure di sicurezza per le navi Moby, Tirrenia e Torremar; il CEO di British Airways chiede al governo che i vaccinati possano viaggiare ovunque; Alitalia raddoppia i voli tra Genova e Roma; la Spagna permette ora l'ingresso senza tampone solo da Sardegna e Sicilia.

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro - 8

PRESENTATO IL PASSAPORTO SANITARIO DELL'UNIONE EUROPEA

La Commissione europea ha presentato ieri la proposta legislativa per creare un Digital Green Certificate, sostanzialmente la proposta europea di passaporto sanitario (vi abbiamo parlato dettagliatamente dell'argomento qui), per rendere più semplici gli spostamenti all'interno dell'Unione Europea durante la pandemia.

L'idea è quella di facilitare la circolazione intra-europea, soprattutto in vista dell'estate. Il certificato "sarà accettato in tutti gli Stati membri dell'UE e contribuirà a far sì che le restrizioni attualmente in vigore possano essere revocate in modo coordinato", perché in questo modo i cittadini della UE "dovrebbero essere esentati dalle restrizioni alla libera circolazione allo stesso modo dei cittadini dello Stato membro visitato".

Non si tratta però solo di un passaporto vaccinale, perché il Green Certificate può attestare (in versione preferibilmente digitale oppure cartacea) tre diverse condizioni del viaggiatore, permettendogli quindi di viaggiare anche per turismo:

  • se si è stati vaccinati per il Covid-19
  • se si è in possesso di un risultato negativo al test Covid-19 (sia test PCR che antigenico)
  • se si è guariti dal Covid-19 (dimostrabile con un test sierologico)

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro - 6

Sono ad esempio le tre condizioni per accedere in Grecia (uno dei paesi che per primi aveva spinto per l'adozione di regole comuni europee) da quando riaprirà al turismo internazionale senza quarantena: come vi abbiamo racontato qui, si parla al momento della data del 14 maggio.

La proposta della Commissione non è ancora operativa, e potrebbe ancora essere modificata, perché dovrà essere approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio. L'idea è comunque quella di una procedura accelerata per far partire il certificato entro giugno, in tempo per la stagione estiva.

Allo stato attuale il certificato includerà un insieme limitato di informazioni come nome, data di nascita, data di rilascio, informazioni rilevanti su vaccino/test/guarigione e un identificatore univoco del certificato.Questi dati possono essere controllati solo per confermare e verificare l’autenticità e la validità dei certificati. Il documento sarà valido in tutti gli Stati membri della UE e in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera.

Il documento sarà legalmente vincolante per gli Stati membri, e l'autenticità sarà garantita da un QR Code, che conterrà le informazioni chiave necessarie e una firma digitale. Ai singoli Stati rimane la responsabilità di decidere quali restrizioni eliminare per i viaggiatori in possesso dei Certificato, ma dovranno necessariamente essere le stesse condizioni per tutti i possessori del Green Certificate. Uno Stato membro potrà anche continuare a imporre la quarantena o test ai titolari di un certificato verde digitale, ma dovrà notificarlo alla Commissione e a tutti gli altri Stati membri, giustificando la decisione.

Trovate tutte le info su questa pagina e in questo PDF.

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro - 4

SARDEGNA CHIUDE AI NON RESIDENTI

La Regione Sardegna interviene a difesa dell'unica zona bianca d'Italia. Un'ordinanza del governatore Solinas ha messo a punto un giro di vite sugli ingressi: da oggi, 18 marzo, e fino almeno al 6 aprile, i proprietari delle seconde case sull'isola, se non residenti, non potranno più entrare in Sardegna, se non per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute, e in ogni caso seguendo le norme attuali, quindi con tampone negativo o certificato di vaccinazione Covid-19.

I tanti arrivi della scorsa domenica, con navi piene da Civitavecchia che hanno portato sull'isola oltre 600 passeggeri, e l'esperienza negativa della scorsa esate, hanno convinto il governatore a limitare gli ingressi, con decisioni simili a quelle già prese da altre regioni, come Valle d'Aosta e Alto Adige. Anche se gli ultimi DPCM e l'ultimo decreto legge del governo prevedono la possibilità di raggiungere le seconde case, anche in zona rossa, le regioni possono comunque disporre misure più restrittive. Si stima che le seconde case in Sardegna siano circa 220.000.

Naturalmente i controlli in Sardegna sono più facili, e l'ordinanza li prevede fin dall'imbarco, dove vettori e armatori dovranno non solo controllare la registrazione sull'app Sardegna Sicura ma anche la documentazione che attesta il motivo per cui si viaggia, o altrimenti negare l'imbarco. Solinas ha deciso di coinvolgere il corpo forestale a supporto del personale sanitario, per quanto rigaurda le attività di monitoraggio e controllo delle certificazioni di avvenuta vaccinazione e di sottoposizione al tampone molecolare o antigenico all'arrivo in Sardegna.

PENISOLA SORRENTINA, IL PIANO PER RIPARTIRE

Un piano d’azione per far ripartire le strutture alberghiere in sicurezza e rilanciare i flussi turistici nella Penisola Sorrentina. Il progetto di Federalberghi Penisola Sorrentina si chiama "Innovazione, sicurezza sanitaria e sostenibilità", promosso in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli e la startup B-Side.

Consentirà alle strutture ricettive della Costiera di prevenire i contagi da Covid-19, gestire i casi sospetti e ridurre i rischi tra gli ospiti e il personale.

L’iniziativa prevede per i dipendenti e gli ospiti degli alberghi la possibilità di sottoporsi a tampone antigenico o molecolare all'arrivo nella struttura. Nel caso in cui il test dovesse dare esito positivo, l’ospite verrà isolato in un mini Covid center itinerante in zona. Negli hotel, inoltre, potrà essere allestito un piccolo ambulatorio dotato di erogatore di ossigeno per far fronte alle emergenze.

Tra aprile e ottobre il progetto prevede anche la disponibilità di un’automedica chiamata a fornire supporto agli ospiti o ai dipendenti delle strutture ricettive che dovessero averne necessità: il mezzo sarà guidato da un infermiere, che gestirà anche le attrezzature sanitarie a bordo, e sarà collegata alla centrale operativa della B-Side attraverso dispositivi tecnologici di ultima generazione.

Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Penisola Sorrentina spiega che l'iniziativa "consentirà di proteggere ulteriormente gli alberghi dalla diffusione del Covid-19 e di offrire ai viaggiatori una vacanza al riparo dai timori legati al virus. Così la Penisola sorrentina si rilancia come modello di ospitalità italiana”.

KENYA AIRWAYS, RIPARTE IL DIRETTO ROMA - NAIROBI

Ripartono i collegamenti internazionali verso il Kenya. Kenya Airways ha infatti deciso di riprendere i voli che erano stati sospesi a fine gennaio con il rafforzamento delle restrizioni di viaggio dovute alla pandemia.

A ripartire per primo sarà, da oggi, il volo per Parigi, e dal prossimo 7 giugno riprenderà anche il collegamento tra Nairobi e Roma Fiumicino, con due frequenze settimanali, il lunedì e il giovedì.

CANARIAN AIRWAYS, PARTENZA A GIUGNO

Canarian Airways, la compagnia aerea appena fondata dagli albergatori di Tenerife, partirà con un solo aereo ma già si prevede di espandere la flotta nel breve termine.

A breve, probabilmente già entro il mese di marzo, si aprirà la vendita dei biglietti per destinazioni come Madrid, Barcellona, Vigo e Bilbao, Glasgow, Cardiff e Berlino. L'idea è di effettuare i primi voli nella seconda metà di giugno, effettuando voli commerciali non regolari, a seconda delle esigenze degli albergatori di Tenerife.

CROCIERE VIRGIN VOYAGES, VACCINAZIONE OBBLIGATORIA PER PASSEGGERI ED EQUIPAGGIO

Virgin Voyages richiederà la vaccinazione a tutti i passeggeri prima dell’imbarco. La compagnia di crociere fondata da Sir Richard Branson, il cui debutto è slittato nuovamente a data da definirsi e causa dell’evoluzione della pandemia, richiederà la vaccinazione obbligatoria anche per l’equipaggio.

La decisione è figlia di una generale fiducia nelle campagne di vaccinazione. “Sappiamo che il futuro dei viaggi riguarderà le vaccinazioni”, ha spiegato Tom McAlpin, presidente e ceo di Virgin Voyages.

Nel frattempo, la compagnia spera di poter inagurare la sua prima nave, Scarlet Lady, nell’estate 2021.

TURCHIA, PARTONO LE VACCINAZIONI DEGLI OPERATORI TURISTICI

In Turchia è iniziata la campagna di vaccinazione contro il Covid dedicata agli addetti del turismo, in coordinamento con il Ministero della Cultura e del Turismo, il Ministero della Salute e l'Agenzia per la Promozione e lo Sviluppo del Turismo della Turchia.

Il progetto rientra nel Programma di Certificazione Safe Tourism e punta a salvaguardare la stagione turistica, dotandosi di tutti gli strumenti per attirare gli arrivi internazionali puntando su sicurezza e immunizzazione degli addetti del settore. Tra questi il vaccino in via prioritaria proprio per chi lavora a contatto con i turisti, con l'idea di tenere aperti i servizi turistici tutto l'anno.

A ricevere il vaccino saranno quindi i dipendenti di strutture ricettive e di ristoranti, guide turistiche, agenti di viaggi già registrati nel Programma di Certificazione Safe Tourism.

IL GRUPPO IAG RIDUCE LA SUA FLOTTA DI AEREI

il grippo Iag, che comprende compagnie aeree come Aer Lingus, British Airways, Iberia e Vueling, ha effettuato una drastica riduzione della flotta per minimizzare il più possibile l'impatto della crisi derivata dalla pandemia.

Le compagnie aeree del gruppo avevano 533 aeromobili alla fine del 2020, in calo del 10,9% rispetto ai 598 che avevano alla fine del 2019, ma ben 241 dei 533 aeromobili "in servizio’" sono temporaneamente inattivi.

Il taglio più consistente riguarderà la flotta destinata al lungo raggio, che passa da 204 aeromobili a 166, il che rappresenta una riduzione anno su anno del 18,6%. Per quanto riguarda il corto raggio, la flotta è diminuita del 6,9%, passando da 394 a 367 aeromobili.

Il gruppo prevede che la domanda rimarrà su livelli molto bassi per diversi anni, non tornando ai dati registrati prima della crisi almeno fino al 2023. Pertanto, Iag è fermamente impegnato a ridurre la flotta di aeromobili e i costi di manutenzione associati. Allo stesso modo, gli aerei di ultima generazione e più efficienti in termini di consumo di carburante saranno quelli utilizzati più frequentemente.

GERMANIA, BOOM DI PRENOTAZIONI PER LE BALEARI

L’annuncio del governo tedesco sulla rimozione delle Baleari come aerea a rischio per Covid-19 ha scatenato un vero e proprio boom di prenotazioni, e ora i tedeschi sembrano non pensare ad altro che a Maiorca, anche per le prossime vacanze di Pasqua.

Il boom ha portato ad una rapida saturazione dei posti aerei, costringendo i vettori ad un'inedita (per il periodo che stiamo vivendo) operazione di aumento dei voli: Eurowings aumenterà la sue frequenze per le isole fino a 325 voli settimanali da 24 aeroporti tra Germania, Austria, Svizzera e Gran Bretagna.

Per Lufthansa si tratta di un aumento dell'80% delle prenotazioni per Maiorca da inizio mese, con conseguente raddoppio dei voli.

MOBY, TIRRENIA, TORREMAR: AUMENTANO LE MISURE DI SICUREZZA

Arrivano ulteriori misure per aumentare il livello di sicurezza a bordo delle navi Moby, Tirrenia e Toremar.

Tra le principali novità, il personale addetto alle pulizie sulle navi sarà dotato di un zainetto atomizzatore elettrostatico che vaporizzerà un apposito prodotto sanificante disinfettante, approvato dal Ministero della Salute, per la sanificazione continua di cabine e ambienti comuni.

Confermata la figura del care manager, che affianca il medico di bordo sulle percorrenze più lunghe e tutto il personale nella tutela della sicurezza. Inoltre verrà intensificata la formazione di tutto il personale di bordo.

Queste operazioni andranno ad affiancarsi a quelle ormai di "routine": misurazione della temperatura prima di salire a bordo, schermi di plexiglass alle reception e alle casse, sanificazione continua da parte del personale di tutti gli spazi comuni, controlli sul corretto utilizzo delle mascherine e per evitare ogni assembramento, sedute alternate nelle sale poltrone o nei saloni per i passeggeri.

IL CEO DI BRITISH AIRWAYS: I VACCINATI DEVONO POTER VIAGGIARE OVUNQUE

Nessun ostacolo ai viaggi per chi è vaccinato. Questa la richiesta che il CEO di British Airways, Sean Doyle, fa al governo britannico. Le persone immunizzate, dunque, dovrebbero avere opzioni illimitate per i viaggi, così come “tutti coloro che, pur non essendo ancora stati vaccinati, sono in grado di presentare il risultato negativo del test”.

British Airways mette fretta al Governo affinché delinei al più presto un quadro di riapertura post-lockdown che classifichi le destinazioni in base al rischio. Il Governo dovrebbe inoltre supportare le app digitali per la salute, da utilizare per verificare una vaccinazione o i risultati negativi dei test Covid-19.

ALITALIA, RADDOPPIANO I VOLI TRA ROMA E GENOVA

Da venerdì 2 aprile sarà di nuovo possibile volare in giornata da Genova a Roma. Alitalia ha infatti deciso di raddoppiare i collegamenti tra le due città introducendo il volo del mattino con partenza alle 6,55 e atterraggio a Roma alle 8. Dal 1° aprile sarà inoltre operativo anche il volo di rientro serale, con decollo da Roma alle 21,40 e arrivo a Genova alle 22,45.

Questi voli si aggiungeranno a quelli rimasti sempre operativi a metà giornata, con decollo da Roma alle 13,10 e arrivo a Genova alle 14,15, e con partenza da Genova alle 15 e atterraggio a Roma alle 16,05.

SPAGNA, INGRESSO SENZA TAMPONE SOLO DA SICILIA E SARDEGNA

L'ultimo aggiornamento delle norme per l'ingresso in Spagna prevede che ora, per chi arriva dall'Italia, solo proveniendo da Sicilia e Sardegna (non più anche dalla Valle d'Aosta) sia possibile evitare di presentare il test PCR negativo Covid-19 richiesto a tutti gli altri passeggeri.

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro - 2

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro

Coronavirus e viaggi: la Sardegna chiude ai non residenti, la UE presenta il suo passaporto sanitario e altro