Varie

Coronavirus e viaggi: DPCM, altri coprifuochi in Italia ed Europa, chiusura frontiere e tanto altro

Autore , 31 ottobre 2020 ore 12:31

Cari Pirati, sono sempre più le notizie che riguardano il rapporto tra turismo, viaggi, trasporti e Coronavirus. Nuove limitazioni e nuove aperture, tagli di voli e ripristino di nuove tratte, una normativa italiana in continua evoluzione anche per gli interventi specifici delle singole regioni.

Per questo abbiamo ripreso ad aggiornare con frequenza almeno bi-settimanale la nostra pagina speciale Coronavirus e viaggi, dove trovate tutte le informazioni utili sui Paesi dove possiamo o non possiamo viaggiare, sulle novità dei trasporti e sulla questione rimborsi/voucher.

Per le novità più importanti pubblicheremo un articolo a parte, ma per non farvi perdere gli aggiornamenti settimanali pubblicheremo anche una raccolta delle novità più importanti direttamente sul blog.

Guarda anche gli altri aggiornamenti della settimana pubblicati giovedì, con tante altre notizie.

Oggi vi parliamo delle misure su trasporti e turismo del nuovo DPCM, dei nuovi coprifuochi in altre 5 regioni italiane, dell'inserimento di gran parte delle regioni italiane nella lista rossa per l'ingresso in Germania e Slovenia, della chiusura delle frontiere in Repubblica Ceca, di nuovi coprifuochi in Spagna, Grecia, Francia, Tunisia, Slovacchia, di nuove rotte aeree per l'estero di Blue Panorama e interne da parte di Tayaranjet e Albastar, della proroga del lockdown in Argentina, dell'accordo per il salvataggio di Vueling e dell'apertura alle vendite dei traghetti per l'estate 2021 per Sardegna, Sicilia, Corsica ed Elba da parte di Moby e Tirrenia.

Coronavirus e viaggi: DPCM, altri coprifuochi in Italia ed Europa, chiusura frontiere e tanto altro - 4

NUOVO DCPM, LE MISURE SU TURISMO E TRASPORTI

Il nuovo DPCM firmato il 24 ottobre 2020 non ha posto nuove limitazioni agli spostamenti, che rimangono quindi ancora consentiti anche tra regioni diverse, anche se è ora "fortemente raccomandato" non spostarsi, né con mezzi di trasporto pubblico né con quelli privati. Nessuna variazione anche negli spostamenti da e per l'estero.

Alcune misure impattano comunque fortemente il turismo, soprattutto la chiusura dei centri benessere (ma non dei centri termali dotati di presidio sanitario), la chiusura di teatri, cinema, sale concerti e ballo, la chiusura delle attività di ristorazione (bar, pub, ristoranti, pasticcerie) alle ore 18.00, la chiusura degli impianti sciistici.

Ricordiamo che le misure dell'ultimo DPCM sono valide fino al 24 novembre.

COPRIFUOCO IN ALTRE REGIONI ITALIANE

Altre regioni hanno istituito un coprifuoco, dopo Lombardia e Lazio di cui vi abbiamo già raccontato.

In Sicilia una nuova ordinanza, la n. 51 del 24 ottobre, limita la libertà di movimento in tutta la regione. Con il provvedimenti si istituisce infatti il coprifuoco dalle 23 alle 5, la chiusura delle scuole secondarie dal 26 ottobre e la chiusura di esercizi commerciali e centri commerciali la domenica dopo le 14.

Anche la Calabria istituisce un coprifuoco con l'ordinanza n. 80 del 25 ottobre 2020, in questo caso previsto a partire dal 26 ottobre dalla mezzanotte alle 5 del mattino. Per le scuole superiori, didattica a distanza almeno al 75%, sospesa invece l'attività didattica in presenza all'Università.

In Campania l'ordinanza n. 85 del 26 ottobre istituisce un coprifuoco dalle 23 alle 5 e conferma il divieto alla mobilità interprovinciale all'interno della regione.

In Piemonte il coprifuoco parte il 26 ottobre ed è dalle 23 alle 5, come disposto dall'ordinanza del 23 ottobre.

Nella provincia automa di Bolzano - Alto Adige l'ordinanza n. 49 del 24 ottobre le regole sono un po' diverse rispetto a quelle nazionali: oltre ad un coprifuoco dalle 23 alle 5, infatti, in questa provincia rimangono aperti impianti sciistici, teatri e cinema, i bar possono rimanere aperti fino alle 20 e i ristoranti fino alle 22, mentre la didattica a distanza arriverà fino a 50% invece che al 75%.

Per tutte le limitazioni, qui trovate il nuovo modello editabile di autocertificazione pubblicato sul sito del Ministero degli Interni, che può essere compilato anche al momento del controllo.

GERMANIA, TEST ALL'INGRESSO PER 14 REGIONI ITALIANE

Il Ministero della Salute tedesco ha disposto l'introduzione di controlli sanitari obbligatori per tutti coloro che abbiano soggiornato nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Germania in una delle aree considerate “a rischio” dal Robert Koch Institut. La lista delle aree “a rischio” può essere consultata qui: https://www.rki.de/DE/Content/InfAZ/N/Neuartiges_C...

Dal 17 ottobre, la Campania e la Liguria sono state inserite nella lista "rossa" e dal 24 ottobre ne fanno parte anche Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Veneto, Provincia autonoma di Bolzano, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Sardegna.

Coloro che nei 14 giorni precedenti all'ingresso in Germania si sono recati in un'area considerata a rischio hanno l'obbligo di presentare un tampone effettuato non oltre 48 ore prima dell'entrata nel Paese oppure di sottoporsi ad un test al momento dell'ingresso, oltre all'obbligo di segnalare il proprio ingresso in Germania, considerato assolto da parte di coloro che hanno compilato il "formulario per lo sbarco" distribuito a tutti i passeggeri sugli aerei. Fino al momento in cui si ottiene il risultato negativo del tampone, è obbligatorio restare in isolamento domiciliare, e se per qualsiasi motivo non viene effettuato il tampone, è necessario osservare una quarantena di 14 giorni.

Dall'8 novembre tutti coloro che faranno ingresso in Germania da aree considerate a rischio dovranno rispettare in ogni caso 5 giorni di isolamento domiciliare e solo una volta trascorso tale periodo potranno effettuare il tampone (ed interrompere la quarantena, in caso di risultato negativo). In assenza di tampone, l'obbligo di quarantena durerà 10 giorni.

SPAGNA, STATO DI EMERGENZA E COPRIFUOCO

Le nuove misure decise ieri dalla Spagna prevedono un nuovo stato di emergenza in tutto il Paese, per adesso della durata di 15 giorni, ma la richiesta è quella di farlo durare fino al prossimo maggio: l'obiettivo del premier Sanchez è quello di riportare il tasso di contagi sotto i 25 ogni 100.000 abitanti, valore che attualmente è quasi a 400.

Previsto il coprifuoco dalle 23 alle 6, con possibilità delle singole regioni di spostare di un'ora in avanti o in indietro l'inizio del divieto, nonché di limitare chiudere i confini regionali.

Unica eccezione per il coprifuoco rimane quella delle isole Canarie, che proprio questa settimana vedranno l'arrivo di nuovi voli turistici dopo che diversi Paesi europei le hanno fatte uscire dalla lista delle regioni ad alto rischio contagio.

SLOVENIA, LISTA ROSSA PER 14 REGIONI ITALIANE

Dal 24 ottobre alcune regioni italiane - Abruzzo, Valle d'Aosta, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto e la Provincia di Bolzano – sono state inserite nella lista rossa della Slovenia: prevista una quarantena di 10 giorni all'ingresso in Slovenia oppure la presentazione di un test negativo non più vecchio di 48 ore. Per chi proviene da una regione inserita nella lista arancione non sono previste particolari restrizioni.Tra le eccezioni all’obbligo di isolamento è previsto anche il transito entro 12 ore, a condizione di poter accedere senza problemi al successivo Paese di transito o destinazione.

Dal 21 ottobre in Slovenia è in vigore il divieto di circolazione delle persone dalle ore 21.00 alle 06.00 e sono vietati gli assembramenti con più di sei persone.

BLUE PANORAMA, NUOVA ROTTA

Partito il nuovo collegamento tra l’aeroporto di Milano Bergamo e Dakar, in Senegal, operato da Blue Panorama. La rotta avrà una una sola frequenza settimanale, con partenza da Orio al Serio il venerdì e ritorno da Dakar il sabato.

Dal 14 dicembre le frequenze aumenteranno con partenze da Bergamo lunedì, mercoledì e venerdì e ritorni da Dakar martedì, giovedì e sabato.

ARGENTINA, PROROGATO IL LOCKDOWN

Le autorità locali hanno prorogato la quarantena su tutto il territorio nazionale fino all'8 novembre. È possibile uscire dalla propria abitazione solo per le attività espressamente autorizzate dalle Autorità argentine, nazionali e locali. Si raccomanda di visitare il sito web: https://www.argentina.gob.ar/salud/coronavirus-COV...
Permane la chiusura di tutte le frontiere e l'interruzione di tutti i collegamenti aerei internazionali fino a data da definirsi. Alcune compagnie (Air France, KLM, Iberia) hanno avuto autorizzazione ad effettuare dei voli commerciali speciali su Parigi, Madrid ed Amsterdam.

VUELING, ACCORDO RAGGIUNTO

La compagnia aerea spagnola Vueling e il sindacato Sepla hanno raggiunto un accordo che garantirà il futuro dell'azienda, con oltre mille piloti messi in cassa integrazione. L'accordo resterà in vigore per tutto il 2021 ed è stato ratificato dall'85% dei piloti del sindacati, i quali accettano un significativo taglio di stipendio.

FRANCIA, SI ESTENDE IL COPRIFUOCO

A partire dal 17 ottobre è in vigore nelle zone d'allerta massima un coprifuoco dalle 21.00 alle 6.00, che rimarrà in vigore per 6 settimane. Nelle zone di allerta massima rientrano le città di Parigi (con la Regione dell'Ile-De-France) Lione, Lilla, Grenoble, Tolosa, Montpellier, Saint-Etienne Marsiglia, Aix-Marseille, e Rouen.

Il 22 ottobre, il Governo francese ha esteso la lista delle zone di massima allerta ad altri 38 Dipartimenti francesi (per un totale di 54 Dipartimenti metropolitani) e al Territorio della Nuova Polinesia francese. Per ulteriori dettagli, consultare la pagina https://www.gouvernement.fr/info-coronavirus/couvr... .

GRECIA, COPRIFUOCO IN ALCUNE ZONE DEL PAESE

A seconda dell'indice di contagio nelle singole regioni della Grecia, vengono applicate misure di prevenzione variabili: è disponibile, a cura delle Autorità elleniche, una mappa interattiva (in greco) che distingue il livello di rischio delle varie zone ed elenca le relative misure previste.

A partire dalle ore 06:00 di sabato 24 ottobre 2020, in tutte le zone arancioni (livello 3, “a stretta sorveglianza”) e rosse (livello 4, “ad alto rischio”) è obbligatorio l'uso della mascherina in tutti gli spazi all’aperto e al chiuso e vige il divieto di circolazione notturna dalle 00:30 alle 05:00.

NUOVA TRATTA INTERNA DA TRIESTE

La compagnia bulgara Tayaranjet inaugura il 1° novembre la nuova tratta Trapani - Trieste, che avrà frequenza settimanale, con partenza da Trieste il venerdì e ritorno da Trapani la domenica.

TUNISIA, COPRIFUOCO IN MOLTE ZONE DEL PAESE

Al fine di limitare la rapida diffusione locale dei contagi, è stato disposto il coprifuoco notturno per 15 giorni (prorogabili) nelle zone classificate ad alto rischio di contagio dal Ministero della Salute: l'area di Nabeul, Biserta, Djerba, Gabes, Gafsa, Kairouan, Tozeur, Zaghouan, Grande Tunis, Monastir, Sousse, Sidi Bouzid, Jendouba, Beja, Kef (nella maggior parte dei casi dalle 20.00 alle 5.00): in molte aree è stata disposta la chiusura di mercati rionali, dei caffè, sospesa la preghiera del venerdì e ogni evento pubblico.

Per quanto riguarda l'ingresso nel Paese, a partire dal 28 settembre 2020, l’Italia è inserita nella categoria arancione: oltre all’obbligo di presentazione del Test RT-PCR negativo, è previsto l’obbligo di autoisolamento domiciliare tra 7 e 14 giorni.

MOBY E TIRRENIA, APERTE LE PRENOTAZIONI PER L'ESTATE 2021

Aperte oggi le vendite per i traghetti per la prossima estate verso Sardegna, Sicilia, Corsica e isola d'Elba. Chi prenota entro il 31 dicembre avrà in omaggio una polizza multirischi, una copertura assicurativa che rimborsa il biglietto in caso di annullamento per qualsiasi evento imprevisto oggettivamente documentabile, con una copertura speciale in caso di infezione da Covid-19 durante il periodo di soggiorno o per l'interruzione dello stesso in caso di quarantena. Confermata anche la tariffa speciale auto per tutte le partenze dal primo giugno al 30 settembre per Sardegna, Corsica e Sicilia.

REP. CECA CHIUDE LE FRONTIERE

Dal 23 ottobre 2020 sono autorizzati ad entrare in Repubblica Ceca i soli stranieri che vi si recano per lavoro, salute, impellenti ragioni familiari, matrimoni e funerali. Ingressi per turismo non sono consentiti.

In vigore un lockdown parziale su tutto il territorio, con la chiusura delle attività commerciali alle 18, escluse quelle che vendono beni di prima necessità, e limitazioni al movimento.

ALBASTAR, TRE NUOVE TRATTE DA TRAPANI

La compagnia aerea spagnola Albastar apre le vendite di tre nuove rotte in continuità territoriale dall’aeroporto di Trapani Birgi, che aggiungeranno alle tratte che la compagnia ha già cominciato ad operare verso Roma, Milano Malpensa e Cuneo.

Le tre nuove destinazioni da Trapani saranno Brindisi, Napoli e Parma, che partiranno tra il 3 e il 6 novembre. Le tariffe residenti, correlate alla continuità territoriale, sono totalmente rimborsabili, e includono un bagaglio in stiva fino a 27 kg, un bagaglio a mano di 7 kg e un articolo aggiuntivo di piccole dimensioni. Permesso anche il cambio nome e data senza penali.

COPRIFUOCO IN SLOVACCHIA

Le Autorità slovacche hanno disposto, a partire dal 1° ottobre, lo stato di emergenza generale, per una durata di 45 giorni, eventualmente prorogabile.

Dal 24 ottobre fino al 1° novembre è previsto il coprifuoco che si applicherà su tutto il territorio della Slovacchia per l’intera giornata, eccettuata la fascia oraria dalle 01.00 alle 05.00 del mattino. Saranno consentiti solo gli spostamenti per lavoro, per l’esecuzione di test Covid, per recarsi presso negozi di alimentari, farmacie, ottica, servizi veterinari, telecomunicazioni, punti di ristorazione (per l’asporto), posta, banca, assicurazioni, officine auto.

Il Governo ha previsto inoltre l’effettuazione di un test Covid di massa su scala nazionale per tutta la popolazione, tra il 30 ottobre e il 6 novembre.

Coronavirus e viaggi: DPCM, altri coprifuochi in Italia ed Europa, chiusura frontiere e tanto altro - 2

Coronavirus e viaggi: DPCM, altri coprifuochi in Italia ed Europa, chiusura frontiere e tanto altro

Coronavirus e viaggi: DPCM, altri coprifuochi in Italia ed Europa, chiusura frontiere e tanto altro