PiratinViaggio
Profile

Ci teniamo alla vostra privacy

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione, proporre contenuti personalizzati e analizzare il nostro traffico. Facendo clic su "Accetta tutto", l'utente accetta questo e acconsente alla condivisione di queste informazioni con terze parti e al trattamento dei suoi dati negli Stati Uniti. Per ulteriori informazioni, leggere la nostra .

È possibile modificare le proprie preferenze in qualsiasi momento. In caso di rifiuto, utilizzeremo solo i cookie essenziali e, purtroppo, non riceverete alcun contenuto personalizzato. Per negare il consenso, .

  • Home
  • Notizie
  • Perché ci sono problemi con i voli Ryanair?
Ryanair, shutterstock

🚫Ryanair abbassa i prezzi e dichiara guerra ai motori di ricerca✈️

Pirati, è successo anche a voi, magari aprendo le nostre offerte, di scoprire che alcune tratte già conosciute e collaudate, come quella tra Milano e Siviglia, sia scomparsa?

Ad esempio, secondo Kayak, il volo più conveniente e veloce tra queste due città è quello con scalo a Zurigo sia all'andata che al ritorno. Tuttavia, esiste un volo diretto operato da Ryanair che non viene mostrato.

Leggi qui sotto per sapere per quale motivo! 👇

Pubblicato da
Cipi·8/1/2024
Condividi

La disputa di lunga data tra la principale compagnia low-cost al mondo e le piattaforme di aggregazione online ha portato a un'eliminazione quasi totale dei voli del vettore irlandese dai siti web di confronto a partire dall'inizio di dicembre. Questa mossa ha influito sul numero di passeggeri e dei posti occupati sui voli di Ryanair, con una stima di 208 mila clienti persi nel mese finale del 2023, come riportato dal Corriere.

Tuttavia, nonostante questo iniziale calo, la famosissima compagnia aerea irlandese sembra soddisfatta, sostenendo che questa mossa incoraggerà le persone a prenotare direttamente dal suo sito e non influenzerà le proiezioni degli utili annuali.

Le piattaforme di prenotazione online per i voli, come Booking.com, Kayak, Orbitz, Kiwi, Expedia, Trip.com, eDreams e Lastminute (alcune delle quali presenti giornalmente anche sul nostro sito) hanno acquisito un ruolo centrale per i viaggiatori che desiderano comodità e rapidità nella ricerca di soluzioni convenienti. Tuttavia, compagnie aeree come Ryanair e Southwest, grazie alle loro dimensioni e al loro peso nel settore low-cost, preferiscono che i clienti prenotino direttamente sui loro siti. Alcuni di questi aggregatori, tuttavia, hanno continuato a vendere i voli di Ryanair sulle loro piattaforme senza autorizzazione, utilizzando il cosidetto "web scraping", una pratica non consentita che ha portato a controversie legali.

Per questo, Ryanair si è lamentata del fatto che le agenzie online aggiungessero costi extra ai biglietti, anche per servizi inesistenti, e ha citato esempi in cui sono stati richiesti costi di servizio aggiuntivi per il rimborso dei biglietti a causa di cancellazioni.

Per questo, Ryanair ha avviato azioni legali contro queste pratiche, ottenendo un giudizio favorevole dall'Alta Corte irlandese contro il "web scraping" praticato da Flightbox. Di conseguenza, molte agenzie online hanno improvvisamente rimosso i voli della compagnia dal loro catalogo di offerte, segnando un cambiamento positivo per il vettore.

La compagnia ritiene che, come già avvenuto, questa rimozione possa comportare una lieve riduzione temporanea del riempimento degli aerei, ma non influenzerà significativamente il loro traffico complessivo né i profitti annuali. Forse anche per questo motivo, Ryanair ha dunque deciso di abbassare (almeno momentaneamente) i prezzi dei biglietti, annunciando quindi uno sconto del 10% su centinaia di migliaia di tariffe su voli da acquistare entro marzo 2024.

Nonostante questa eliminazione repentina dai motori di ricerca dei voli, Ryanair prevede un impatto limitato sul traffico e sui profitti dell'anno finanziario in corso. Gli analisti concordano in parte, stimando danni minimi per la compagnia aerea a causa di questa battaglia contro le agenzie di viaggio online. Secondo le previsioni infatti, i profitti annuali di Ryanair dovrebbero mantenersi su livelli solidi, raggiungendo 2,33 miliardi nel 2025 e 2,48 miliardi nel 2026.