PiratinViaggio
Profile

Ci teniamo alla vostra privacy

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione, proporre contenuti personalizzati e analizzare il nostro traffico. Facendo clic su "Accetta tutto", l'utente accetta questo e acconsente alla condivisione di queste informazioni con terze parti e al trattamento dei suoi dati negli Stati Uniti. Per ulteriori informazioni, leggere la nostra .

È possibile modificare le proprie preferenze in qualsiasi momento. In caso di rifiuto, utilizzeremo solo i cookie essenziali e, purtroppo, non riceverete alcun contenuto personalizzato. Per negare il consenso, .

  • Home
  • Notizie
  • Il Giappone vuole che i giovani bevano più alcool
Alcohol, Beer, Beverage

Il Giappone lancia un concorso per invitare i giovani a bere più alcol!

Cari Pirati, siamo ormai abituati alle campagne contro gli abusi dell'alcool, ma non ci era mai capitato di vedere un'istituzione pubblica che invita a bere di più!

Succede in Giappone, dove il governo ha lanciato un concorso nazionale per raccogliere idee su come indurre i giovani giappponesi a bere più alcol, a seguito di un calo di questo tipo di consumi e una conseguente diminuzione delle entrate fiscali.

Scopriamo di più insieme di cosa si tratta!

Pubblicato da
Lola·18/8/2022
Condividi

Anche in questo caso c'entra la pandemia: le nuovi abitudini sociali indotte dal Covid-19 e dalle correlate misure restrittive, hanno portato ad un drastico calo di consume di alcol, il che significa anche una riduzione del gettito fiscale.

Il governo giapponese ha pensato allora di lanciare il concorso “Sake Viva!”, gestito dall'Agenzia delle Entrate Nazionale (NTA), attraverso il quale chiede ai giovani tra i 20 e i 39 anni di presentare le loro proposte per far tornare di moda il consumo di bevande alcoliche.

I dati dicono che consumo di alcol in Giappone è sceso da una media di 100 litri a persona nell’anno 1995 a 75 litri nel 2020. Questo calo ha colpito duramente le entrate del Paese, che già registra un cospicuo deficit: le tasse sull'alcol hanno rappresentato l'1,7% del gettito fiscale nel 2020, in calo rispetto al 3% nel 2011 e al 5% nel 1980.

Naturalmente il calo dei consumi degli alcolici sono legati anche all’invecchiamento della popolazione e alla minore immigrazione. Ma un ruolo lo hanno giocato anche le nuove abitudini sociali acquisite durante i vari lockdown: avendo meno occasioni di incontro e di svago, sono diminuite anche le possibilità di consumare alcol in compagnia. Il calo ha interessato soprattutto il consumo di birra, con il volume delle vendite sceso del 20%.

Il concorso durerà fino al 9 settembre e prevede sia "nuovi prodotti e design" sia nuovi modi per promuovere il consumo di alcolici in casa. Naturalmente siamo nel regno della tecnologia, quindi i partecipanti sono incoraggiati a esplorare metodi di vendita innovati attraverso il Metaverso. I finalisti del concorso saranno invitati alla cerimonia di premiazione a Tokyo il 10 novembre e l'ufficio delle imposte ha dichiarato che sosterrà la commercializzazione delle idee del vincitore.

Naturalmente il Ministero della Salute giapponese è intervenuto aggiungendo che la campagna dovrebbe anche ricordare alle persone di bere solo la "quantità appropriata di alcol”.

Che ne pensate, Pirati?