chrissi island, chrisy island, Crete

La Grecia chiude un'intera isola ai turisti!

Cari Pirati, il fenomeno dell'Overtourism, l'eccesso di turisti in una singola destinazione, ha già colpito tante mete che ne sono state snaturate, e soprattutto quelle con un delicato equilibrio naturale da proteggere sono corse ai ripari.

È successo ad esempio in Sardegna per la spiaggia della Pelosa, ormai a numero chiuso, o in Thailandia per Maya Beach, resa famosa dal film "The beach" e chiusa per 3 anni prima di riaprire a numero chiuso.

Ora anche una popolare destinazione turistica greca non potrà più essere raggiunta in barca dai tanti turisti che arrivavano numerosi, e in questo caso la chiusura è totale.

Pubblicato da
Tribordo
23/5/2022
Condividi

Di quale isola si tratta?

Nella parte orientale di Creta, a circa 15 chilometri dalla costa, si trova la piccola isola di Chrissi, in realtà disabitata (anche chiamata Chrisy, ovvero: "la dorata").

© OpenStreetMaps

Cosa è successo?

Sempre più visitatori sono arrivati negli ultimi anni a visitare le sue bellissime spiagge e la sua natura unica. Si stima una media di circa 200.000 visitatori giornalieri ogni anno. Alcuni hannpo finito addirittura per stabilirvisi temporaneamente in tende e capanne autocostruite durante i mesi estivi. Tutto questo ha portato a diversi problemi, come l'aumento della spazzatura, il consumo delle falde acquifere (impoverendo così le piante), la distruzione delle giovani piante. I cedri di Chrissi, alcuni dei quali hanno più di 100 anni, ne sono stati particolarmente colpiti, molti dei quali sono già stati sradicati e prosciugati.

Cosa è stato vietato?

Nessuno può più entrare nell'isola tra il 1° maggio 2022 e il 31 ottobre 2022 e in ogni caso dall'alba al tramonto.

Le barche da escursione possono circumnavigare l'isola solo per un periodo di tempo limitato.

Da quando partono i divieti?

I divieti sono già partiti dall'inizio di maggio.

Perché il divieto potrebbe ancora essere annullato?

Il Comune di Ierapetra, da cui partono la maggior parte delle barche, è preoccupato per gli affari e ha impugnato la decisione del Comitato al Consiglio di Stato, e quest'ultimo intende rivolgersi alla Commissione Europea.