PiratinViaggio
Profile

Ci teniamo alla vostra privacy

Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione, proporre contenuti personalizzati e analizzare il nostro traffico. Facendo clic su "Accetta tutto", l'utente accetta questo e acconsente alla condivisione di queste informazioni con terze parti e al trattamento dei suoi dati negli Stati Uniti. Per ulteriori informazioni, leggere la nostra .

È possibile modificare le proprie preferenze in qualsiasi momento. In caso di rifiuto, utilizzeremo solo i cookie essenziali e, purtroppo, non riceverete alcun contenuto personalizzato. Per negare il consenso, .

  • Home
  • Notizie
  • A partire dal 1° giugno non è più richiesto il Green Pass per rientrare in Italia dall'estero, tutte le info
Coronavirus, covid, Health

Rientri in Italia dall'estero, il Green Pass non è più richiesto!

Cari Pirati, la novità era attesa, e finalmente è arrivata la conferma ufficiale: un comunicato stampa del Ministero della Salute ha assicurato che l'ordinanza che regola i rientri in Italia dall'estero e in particolare l'obbligo di mostrare il Green Pass, in scadenza il 31 maggio, non verrà prorogata.

Questo significa che dal 1° giugno il rientro in Italia dall'estero non sarà più regolato dalle norme dell'emergenza Covid-19 che ci hanno accompagnato, in varie forme, per più di due anni. Combinato con misure simili già prese o in procinto di scattare per moltissimi altri paesi, significa che stiamo ormai tornando a passi spediti ad un modo di viaggiare non più limitato dalla pandemia, nel quale dobbiamo solo preoccuparci di prendere carta d'identità o passaporto, e per molti paesi extra europei controllare solo se abbiamo bisogno di visto o meno.

Pubblicato da
Tribordo·19/9/2023
Condividi

Rientrare in Italia dall'estero

Dopo l'abolizione dal 1° maggio del PLF (Passenger Locator Form), l'unico altro obbligo rimasto per rientrare dall'estero in Italia era quello di esibire il Green Pass da vaccinazione, guarigione o tampone.

Questa misura, contenuta nell'Ordinanza 28 aprile 2022 del Ministero della Salute, è scaduta il 31 maggio e non verrà prorogata, come da comunicato stampa dello stesso ministero.

L'Ordinanza del 22 febbraio 2022 aveva già fortemente semplificato la normativa precedente, eliminando le liste dei paesi, le limitazioni dei viaggi verso quelli dell'elenco E e facendo venire meno la necessità dei corridoi turistici Covid-free (vedi il nostro articolo).

Le misure ancora in vigore

Restano ancora in vigore le misure del Decreto-Legge 24 marzo 2022, n. 24, relative all'obbligo dell'utilizzo di mascherine in alcune situazione, ed in particolare per cinema, teatre e soprattutto mezzi di trasporto.

La misura scade il 15 giugno e il governo sta ancora discutendo se non prorogare nemmeno questa misura o se attuare invece una mini-proroga.