destinazioniLe migliori offerte per Petra e la Giordania

Petra: tutte le info e i consigli per visitare questa meraviglia!

Per molti tra noi e voi Pirati negli ultimi anni è diventato molto più facile visitare una delle meraviglie del mondo antico, l'antica città di Petra.

La disponibilità di voli low cost anche dall'Italia e la relativa facilità ed economicità di una vacanza in Giordania hanno aumentato, se possibile, la popolarità di un luogo già iconico ma che, nell'era di Instagram, lo è diventato ancora di più.

Con questo articolo vogliamo aiutarvi ad organizzare al meglio la vostra prossima visita a Petra, dandovi tanti consigli e raccogliendo tutte le informazioni utili per chi visita per la prima volta questo luogo così affascinante.

Seguiteci e sarete pronti per partire!

Cerca voli per Amman

Cerca voli per Aqaba

Cerca hotel a Petra

-

Cerca attività e biglietti per Petra

-

Petra, meraviglia del mondo antico

La visita a Petra è naturalmente una delle parti più importanti (per alcuni l'unica!) di un viaggio in Giordania, e anche se vi sembrerà di conoscerla già perché vista in foto, video e film, Petra è comunque in grado di stupirvi.

Non sottovalutate la grandezza del sito archeologico e anche quanto potrebbe entusiasmarvi esplorarne i suoi tesori a piedi, per cui dedicate senz'altro più di un giorno (se potete) alla visita dell'antica città nabatea.

Non vogliamo qui raccontarvene la storia, che potrete trovare ovunque sia sulle guide che su internet, quanto aiutarvi nell'organizzazione della visita per cercare di sfruttare al meglio i vostri giorni in questa autentica meraviglia e renderli davvero indimenticabili!

Abbiamo raccolto un po' delle vostre domande frequenti e, dopo averci trascorso diversi giorni e partendo dalla nostra esperienza personale, vogliamo provare a rispondere a tutte!

Quando andare a Petra: i periodi migliori e quelli da evitare

I periodi migliori per visitare Petra sono senza dubbio l'inizio della primavera (da metà marzo a metà maggio) e l'autunno (da metà settembre a metà novembre): le temperature non sono così alte come durante i mesi caldi, anche se abbiamo ovviamente meno ore di sole, e la qualità della luce è la migliore possibile, con i tipici colori rosati la mattina e nel pomeriggio. A marzo e novembre le temperature possono essere bassine, per cui è necessario vestirsi di conseguenza. Le precipitazioni sono invece quasi del tutto assenti in questi due periodi.

L'estate è una scelta obbligata per molte persone, ma dovrete fare i conti con temperature che possono diventare davvero difficili da sopportare, anche oltre 40°, soprattutto nelle ore centrali della giornata.

Già la seconda metà di maggio è un po' a rischio, dall'inizio di giugno il sole comincia decisamente a scottare e vi ritroverete a cercare continuamente l'ombra. Per questo in questi mesi è importante sfruttare la prima parte della mattina, facendo lo sforzo di arrivare quando il sito apre (alle 6). Fondamentali cappello, occhiali da sole e crema solare.

In inverno le temperature non superano i 15° di giorno e più spesso sono intorno ai 10°, ma il problema principale è quello delle precipitazioni, che possono portare raramente a vere e proprie inondazioni e a chiusure del sito anche per più giorni consecutivi. Anche la neve non è così rara in inverno.

Come arrivare a Petra

Principale destinazione turistica dell'intera Giordania, non è difficile raggiungere Petra dovunque vi troviate nel paese. Le distanze sono comunque relativamente ridotte da entrambi gli aeroporti dai quali potreste arrivare: l'area archeologica si trova infatti 250km a sud di Amman e 125 km a nord di Aqaba.

In auto

Se arrivate da Amman e decidete di noleggiare un auto, avrete la scelta tra la più breve e diretta (ma un po' noiosa) strada del deserto, che vi porterà a destinazione in meno di 3 ore, oppure la più lunga ma ricca di possibili tappe strada dei Re, molto scenografica. Se avete tempo almeno per uno dei due tragitti fate la strada dei Re, eventualmente anche spezzando il viaggio per visitare le attrazioni lungo il percorso.

Da Aqaba la strada impiega invece meno di due ore.

In bus o taxi collettivo

Da Amman partono sia minibus (5h, 8 JD) che taxi collettivi (4 ore, 9 JD) dalla stazione di Wihdat; in alternativa ci sono i più comodi bus JETT (4,5 ore, 9 JD). Tutti percorrono la strada del deserto.

Da Aqaba i bus impiegano 1h e 45 minuti (6-7 JD).

In taxi

Un taxi privato da Aqaba costa circa 45 JD, da Amman parte dai 70-80 JD.

Quanti giorni dedicare alla visita di Petra

La risposta a questa domanda naturalmente dipende molto da valutazioni e aspetti personali: quanti giorni avete per tutto il viaggio in Giordania, quanto siete attratti dagli aspetti archeologici e storici e quanto da quelli naturalistici.

È importante decidere in anticipo perché il costo della visita a Petra, che abbiate o meno il Jordan Pass, varia in funzione del numero di giorni che vorrete passare qui (vedi paragrafo successivo).

In una giornata sfruttata al massimo, sfruttando davvero tutte le 12 ore di aperture del sito, è possibile concentrare a fatica una visita delle principali attrazioni. Noi vi consigliamo però di dedicare almeno due giorni pieni alla visita dell'area archeologica: l'area archeologica è molto estesa (oltre 60km2 con diverse salite e discese) e vi ritroverete a camminare per diversi chilometri (a noi è capitato di superare i 20km percorsi per due giorni di seguito).

Con tre giorni siete potete ovviamente fare le cose con un po' più di calma, ma tenete conto che se siete attirati dall'idea di fare almeno uno dei trekking più lunghi dentro l'aerea archeologica, o quello da Little Petra a Petra, potete tranquillamente passare più di qualche giorno in quest'area senza annoiarvi!

Infine tenete presente che se volete assistere a Petra by Night (vedi paragrafo dedicato) avrete bisogno di essere qui in uno dei seguenti giorni: lunedì, mercoledì e giovedì.

Quanto costa il biglietto per Petra e conviene fare il Jordan Pass?

Il costo del biglietto per visitare Petra è senz'altro il costo più importante per le attrazioni nell'intera giornata.

Il costo dell'entrata a Petra varia a seconda di quanti giorni volete passare nel sito:

  • 1 giorno: 50 JD

  • 2 giorni: 55 JD

  • 3 giorni: 60 JD

Il costo per l'ingresso a Petra by Night non è compreso. Il nostro consiglio è quello, se siete in dubbio e il vostro itinerario permette un po' di flessibilità, di acquistare il biglietto per 3 giorni, anche se avete in mente di restarne solo 1 o 2: se poi cambiate idea e decidete di restare più tempo, infatti, dovrete comprare un altro biglietto intero da 50JD per un giorno aggiuntivo.

La decisione di acquistare o meno il Jordan Pass dipende invece dalla lunghezza del vostro viaggio e soprattutto dall'aeroporto nel quale atterrate. Il Jordan Pass infatti dà accesso a oltre 40 attrazioni in tutta la Giordania, compresa Petra, e comprende anche il costo del visto (40 JD), ai seguenti prezzi che variano sempre rispetto ai giorni di visita a Petra (anche qui è escluso Petra by night):

  • 1 ingresso a Petra: 70JD

  • 2 ingressi a Petra: 75JD

  • 3 ingressi a Petra: 80JD

Anche se molto costoso in assoluto, è facile constatare come il prezzo sia quindi decisamente vantaggioso e lo "ammortizzate" già con il costo del biglietto di Petra e quello del visto, avendo poi ingressi gratuiti negli altri siti della Giordania. Anche in questo caso vi consigliamo la versione con 3 ingressi a Petra, per lo stesso motivo spiegato su.

Attenzione però! Se atterrate ad Aqaba (in genere con i voli low cost in autunno/inverno, negli altri mesi si atterra ad Amman), è tuttora attiva l'esenzione del costo del visto per chi arriva in questo aeroporto. In questo caso quindi il Jordan Pass potrebbe non convenirvi se non fate un lungo viaggio nel paese, considerato che la maggior parte degli altri biglietti di ingresso costano pochi JD l'uno.

Come organizzare la visita a Petra

Che abbiate poco o tanto tempo per visitare la grande area archeologica di Petra, ecco qualche consiglio per organizzare al meglio la visita.

Sul tempo da dedicare alla visita vi parliamo nell'apposita sezione, ma fidatevi: cercate di stare più giorni possibile! E nel dubbio, prendete il biglietto per 3 giorni anche se non siete sicuri: aggiungere un giorno sul posto vi costa molto di più rispetto a se non usate a pieno il biglietto da 3 giorni. Nei mesi caldi, inoltre, avere un biglietto da 3 giorni vi permette di tornare in albergo o riposarvi all'ombra restando nel sito durante le ore più calde, quando la temperatura si fa poco sostenibile.

Partiamo dall'abbigliamento: essenziali le scarpe comode e possibilimente chiuse anche d'estate, e se avete intenzione di camminare un bel po' (ma è quasi inevitabile fare tanti chilometri!), meglio ancora scarpe da trekking leggere. Nei mesi caldi, non potete non portare cappello, occhiali da sole e crema solare, perché ci sono ampie aree dove non c'è riparo dal sole. Nei mesi invernali avrete bisogno anche di qualcosa di più pesante se le temperature si abbassano, e occhio alle precipitazioni. Lo stesso vale per le visite notturne: può fare più fresco anche in estate, perché la temperatura a Petra cala molto durante la notte.

Visti i costi già abbastanza alti per dormire a Wadi Musa e per l'ingresso a Petra, se volete risparmiare vi consigliamo di portarvi un pranzo al sacco (può preparvelo anche il vostro albergo, o trovate diversi posti a Wadi Musa dove acquistarlo) ma soprattutto tanta acqua: avrete bisogno di diversi litri per tutta la giornata, portate quello che potete senza caricarvi troppo lo zaino, e acquistate il resto dell'acqua direttamente nell'aerea archeologica (costa 2JD per una bottiglia grande).

Per quanto riguarda le guide, quelle ufficiali del centro visitatori sono abbastanza care (si parte da 50JD) e se avete una buona guida cartacea e abbastanza tempo potete anche farne a meno. Diverso è se volete avventurarvi in uno dei trekking più lunghi, per alcuni dei quali la guida è obbligatoria, anche perché in quei casi il sentiero è solo accennato.

Infine, cercate di sfruttare più che potete gli orari in cui la luce è più bella e il sito meno affollato: se riuscite arrivate appena il sito apre (alle 6, tranne in inverno) e restate il più possibile fino all'ora di chiusura, quando la luce del tramonto vi può regalare momenti di struggente bellezza. Fare l'alzataccia per entrare alle 6 vi permettà di percorrere davvero il Siq quasi da soli, arrivare al Tesoro prima di tutti e rimanere sempre avanti ai grandi gruppi organizzati.

Cosa vedere a Petra

Non vogliamo qui sostituire le informazioni contenute in una buona guida cartacea che comunque vi consigliamo di avere, ma piuttosto darvi qualche indicazione su cosa non perdersi e su come e quando visitare tra le principali attrazioni del sito.

Il Siq

Lo percorrerete diverse volte avanti e indietro nelle vostre giornate a Petra, e anche se a fine giornata un po' vi piacerebbe che fosse più breve, non vi stancherete di percorrerlo perché è un'esperienza diversa a seconda dell'ora del giorno e della luce, e ovviamente ancora di più quando è illuminato da candele durante Petra by night. Le ore migliori per la luce sono la mattina molto presto e il tardo pomeriggio.

Le Tombe Reali

Non perdete questa che è la nostra attrazione preferita di tutto il sito, e possibilmente arrivateci di mattina quando è ancora in ombra: senza la luce diretta del sole scoprirete una varietà incredibile di colori della roccia, cercate di visitare tutte le tombe perché ognuna ha qualcosa di incredibilmente struggente!

Il Tesoro

Non dimenticherete la prima volta che vedrete spuntare il Tesoro nella gola stretta del Siq, specialmente riuscendo ad entrare molto presto nel sito, possibilmente all'apertura, alle 6 di mattina: in questo caso, ci saranno solo pochi turisti e qualche cammello a farvi compagnia. Potete così godervi l'attrazione più affollata del sito in relativo silenzio, e assistere allo spettacolo del sole che man mano illumina la facciata. Se volete salire su uno dei punti panoramici per scattare la classica foto da Instagram con la facciata del Tesoro, sappiate che ce ne sono diversi: nella maggior parte dei casi dovrete pagare una "guida" (si parte da 5JD) che vi accompagni, mentre per quello più lungo da raggiungere (e anche più in alto) potete andare autonomamente e senza pagare, con un percorso che parte da dietro le Tombe Reali caldamente consigliato e molto panoramico. La luce più bella è anche qui la mattina presto, quando lentamente la luce diretta del sole ricopre tutta la facciata, e forse ancora di più al tramonto, quando arriva invece più morbida e diffusa di riflesso (e per questo è probabilmente meglio per le foto).

Il Monastero

È uno dei luoghi più lontani (e faticosi) del sito da raggiungere ma anche uno dei più affascinanti, per cui dovete assolutamente trovare il tempo di arrivarci!
Il percorso parte da dietro il Basin Restaurant ed è abbastanza lungo (mettete in conto circa un'ora) e in salita, compresa una rampa di 800 gradini da salire. Vi aspetta una mastodontica facciata e nei dintorni tantissimi punti panoramici da raggiungere, con discese a strapiombo e lo sguardo che spazia su quasi l'intera area. Vi consigliamo di cominciare la salita il pomeriggio, per arrivare quando la luce è migliore (e avere parte del percorso in ombra nelle giornate calde).

Centro città

Anche nel centro dell'antica città di Petra passerete più di una volta, per cui potete decidere di visitare prima ad esempio i siti di un solo lato della via colonnata e poi al ritorno quelli dell'altro lato. Nelle giornate calde questa è la parte più assolata dell'intero sito, quindi evitate le ore centrali della giornata.

Sentiero dell'altura del Sacrificio

Non perdete questo percorso che può occupare tranquillamente mezza giornata per il giro completo e vi regalerà degli scorci davvero notevoli. Si parte subito prima del Teatro seguendo una salita di circa mezz'ora (meglio farla di prima mattina) che vi porterà sulla super panoramica altura del Sacrificio, dalla quale si domina quasi tutta la città. Importante però avere il tempo di scendere non da dove siete saliti, ma continuando il percorso nel sentiero del Wadi Farasa: qui incontrerete in un bellissimo percorso dei monumenti e tombe affascianti e diversi dagli altri, e in più nelle giornate più affollate sarete probabilmente quasi da soli. Il percorso vi porta fino al Basin Restaurant, dal quale poi continuare la visita verso il centro o verso il Monastero.

Little Petra

Non è esattamente nell'aerea archeologica e ci potete andare gratuitamente anche al di fuori del periodo di validità del vostro biglietto di ingresso a Petra, ma non perdete questa escursione. Consigliato nel pomeriggio, ma se avete tempo organizzate il trekking di una giornata che da Little Petra vi porta a Petra: arrivare al Monastero in questo modo vi regalerà un'esperienza più simile a quella degli antichi viaggiatori.

Petra by night: vale la pena?

È una questione molto dibattuta e troverete risposte anche opposte tra di loro tra i viaggiatori che hanno fatto l'esperienza.

Innanzi tutto, un po' di informazioni pratiche. Il tour parte solo alcuni giorni della settimana dopo la chiusura del sito: il lunedì, mercoledì e giovedì. I cancelli aprono alle 20.30 e si rientra verso le 22.30. Il costo è di 17JD, ed è necessario acquistare i biglietti in anticipo, prezzo agenzie locali o anche presso la stessa biglietteria del sito, ma durante gli orari di apertura (6-16, in inverno 7-15).

Il prezzo non è quindi indifferente, soprattutto se aggiunto al già caro biglietto di Petra. Certo l'idea di percorrere il Siq a lume di candela e fare un'esperienza simile agli antichi visitatori è attraente, ma il tour è molto popolare e quindi vi ritroverete a percorrere la gola non nel silenzio ma con parecchio casino attorno, e le luci delle candele sono spesso coperte dai flash (peraltro inutili) di chi cerca di fare foto al buio.

Forse può avere un po' più di senso come primo approccio a Petra, il giorno in cui arrivate a Wadi Musa: in questo modo le due esperienze di percorrere il Siq saranno completamente diverse, perché la prima volta vedrete solo ciò che la luce delle candele vi permetterà di vedere, e la mattina dopo potrete ammirare un Siq completamente diverso con la luce del giorno.

Cercare di partire tra i primi (tanti vi consiglieranno di arrivare prima dell'apertura dei cancelli) vi garantisce solo di cercare di fare una bella corsa in compagnia senza potervi godere granché e, una volta arrivati al Tesoro, non avrete necessariamente i posti migliori perché a seconda del numero dei visitatori verranno aggiunte file davanti. Forse è quasi meglio partire con calma dopo la prima massa di visitatori e godersi almeno la camminata nel Siq in (relativa) pace.

Lo spettacolo di musica e luci è relativamente breve, poi il Tesoro viene illuminato artificialmente con luci di colore diverso. Cercate di rimanere il più possibile per avere meno persone e tornarvene senza troppi affollamenti.

Se volete tentare di fare delle foto che abbiano un senso, soprattutto del Tesoro illuminato solo dalle candele, un cavalletto (anche di quelli piccolini) è essenziale! Inoltre tenete presente che la sera a Petra la temperatura cala drasticamente anche d'estate, quindi vestitevi di conseguenza!

Informazioni pratiche per la tua visita a Petra

Ecco alcune informazioni che rispondono a qualche domanda comune per la visita a Petra.

Se ho il Jordan Pass posso entrare direttamente?

No, è necessario comunque passare in biglietteria al primo ingresso, poi se avete la validità per più giorni potete andare direttamente ai cancelli di entrata.

Ci sono bagni pubblici a Petra?

Sì, non preoccupatevi: ne troverete diversi nell'area archeologica, anche se non diffusi in maniera regolare. Potete comunque facilmente individuare il più vicino utilizzando la mappa fornita all'ingresso del sito.

Dove mangiare a Petra?

Ci sono diversi luoghi ristoro più grandi e tanti piccoli punti a gestione privata beduina anche nelle zone più remote, in genere in prossimità di punti di arrivo o panoramici. I costi sono relativamente alti nei ristoranti (dai 10 ai 18JD) e più o meno fissi nei punti ristoro a gestione beduina. Noi vi consigliamo di portarvi cibo e snack comprati fuori dal sito e di acquistare solo da bere quando c'è bisogno, ma tenete comunque conto che l'acqua da 1,5l ha un costo di 2JD nell'area archeologica.

Il tragitto a cavallo subito dopo l'ingresso è compreso nel biglietto?

Sì, è compreso, ma chi vi porta si aspetta una mancia e può diventare molto costosa se non la concordate prima di salire sul cavallo, se siete interessati.

In caso affermativo e se volete provare almeno una volta, vi consigliamo di farlo al ritorno, quando sarete stanchi morti!

Ci sono alternative se non voglio/posso camminare?

Sì, è possibile noleggiare diversi tipi di mezzi di trasporto, dagli asini (in particolare per le salite) alle carrozze fino ai veicoli elettrici (tipo golf car), che in genere si concordano per percorsi specifici.

Il costo varia molto e dipende anche dalla vostra capacità di contrattare, mentre nel caso dei veicoli elettrici è più o meno fisso (ad esempio dal Visitor Center al Tesoro a/r costa 25JD a persona).

Dove dormire per la visita a Petra

La scelta, soprattutto se non avete un auto a noleggio, è sostanzialmente una sola: a Wadi Musa.

Potete però decidere se alloggiare nei dintorni dell'ingresso al sito, con il vantaggio di poter raggiungere a piedi l'entrata del sito archeologico, oppure nel cosiddetto "centro cittadino", che è più distante e anche più in alto rispetto all'ingresso, ma ha il vantaggio di disporre di molte più possibilità per cenare o uscire la sera, se ancora avete le energie per farlo!

È importante sapere che l'offerta di sistemazioni per tutte le tasche è amplissima, ma Wadi Musa, oltre ad essere piuttosto cara, è anche l'unico luogo del paese dove bisogna stare attenti alle truffe. Nel caso degli alloggi, oltre alle truffe più ovvie è facile trovare posti con qualità davvero bassa o comunque diversi dalla descrizione che trovate sui siti. Non vale molto in questi casi affidarsi ai voti sui vari Booking.com, TripAdvisor eccetera, per cui vi consigliamo di dormire solo negli hotel consigliati da una delle guide (Lonely Planet, Rough Guides, eccetera) oppure da qualche altro viaggiatore per evitare brutte sorprese.